Modalità di svolgimento degli esami di disciplina

Le sessioni d’esame sono di norma tre; per ogni sessione d’esame possono essere previsti più appelli:

  • dal 15 giugno al 15 luglio (sessione estiva),
  • dal 15 ottobre al 15 novembre (sessione autunnale),
  • dal 15 febbraio al 15 marzo (sessione straordinaria).

 

Le prove finali per il conseguimento del diploma accademico di primo o di secondo livello relative a ciascun anno accademico si svolgono entro la sessione straordinaria dell’anno accademico successivo; le prove finali possono essere sostenute dagli studenti iscritti all’anno accademico precedente senza necessità di reiscrizione entro tale data.

Oltre alle verifiche di carattere ordinario a cura delle commissioni d’esame, si possono prevedere anche altre forme di attribuzione del credito. Gli esami di profitto possono essere pratici (esecutivi o scritti) e/o orali; si possono prevedere anche forme articolate di verifica. La votazione è riportata a cura della commissione esaminatrice e a firma di uno dei suoi componenti sul libretto dello studente.
Lo studente ha facoltà di ritirarsi dagli esami fino al momento antecedente la verbalizzazione della valutazione finale di profitto. Non è consentita la ripetizione, con eventuale modifica della valutazione relativa, di un esame già superato.