Robert Vignola è la magia del cinema muto