Storia


CONSERVATORIO DI MUSICA “E.R.DUNI” MATERA

Il Conservatorio di Musica di Matera, intitolato al Compositore Egidio Romualdo Duni, nasce come   sezione   staccata   del   Conservatorio   di   Musica   di   Bari    nel    dicembre   del   1965. L’amministrazione Comunale mette a disposizione del Conservatorio  i  locali  di proprietà  comunale, siti  in  piazza Vittorio  Emanuele  lii,  oggi piazza del  Sedile.  Il  primo anno accademico 1965/1966 registra la frequenza di n. 41 allievi, di cui 21 della scuola di pianoforte e 20 della scuola di violino. Vengono, inoltre,  attivate n.  3  classi di  materie complementari, di cui n.2  di teoria, solfeggio e dettato  musicale e  n.1  di  pianoforte  complementare. Nell’anno  scolastico 1966/1967  inizia  il funzionamento della Scuola media annessa.

Dal 1 ° ottobre 1969 è Istituzione autonoma. Il Conservatorio di Musica “E.R.Duni” di Matera è un’Istituzione pubblica di alta cultura cui l’articolo 33 della Costituzione riconosce il diritto di darsi ordinamenti autonomi, ai sensi della Legge 21 dicembre 1999 n. 508.  E’ dotato di personalità giuridica, nonché di autonomia didattica, artistica, scientifica,  organizzativa,  finanziaria  e  contabile,  anche  in  deroga  alle  norme  dell’ordinamento contabile dello Stato e degli enti pubblici, ma comunque nel rispetto dei relativi principi.

Nel rispetto dei principi generali regolanti la propria autonomia funzionale, l’Istituto ha piena capacità di diritto pubblico e privato. Sua  finalità  primaria  è la  promozione,  in  ambito  musicale, della cultura,  della ricerca,  delle professionalità  di  grado  superiore,  dell’educazione  e  della  formazione   della  persona  con   il contributo,  nelle  rispettive  responsabilità,  di  tutte  le  sue  componenti,  docenti,  personale  non docente e studenti. Esso cura, nel libero confronto delle idee, lo sviluppo, l’elaborazione e la trasmissione  delle conoscenze e concorre  allo  sviluppo  culturale,  musicale, artistico  e scientifico della nazione e della comunità internazionale.

Sede  primaria   di  alta  formazione,  di  specializzazione  e  di   ricerca   nel settore  artistico­ musicale,  l’Istituto  svolge  correlate  attività  di produzione  in  tale  settore,  ne  promuove  e  ne favorisce lo svolgimento, collegando ad esse i  vari percorsi formativi.

L’Istituto provvede alla formazione culturale degli studenti e ne cura la preparazione professionale,   garantendo   la   piena  applicazione   delle   norme   per  il   diritto   allo  studio   ed organizzando i  propri servizi didattici, di sostegno e di orientamento in modo da rendere effettivo e proficuo lo studio accademico.

Il Conservatorio attiva corsi di formazione cui si accede con il possesso del diploma  di scuola secondaria disecondo  grado, nonché corsi di perfezionamento e di specializzazione. Rilascia diplomi accademici  di   primo  e  secondo  livello,  nonché   di   perfezionamento,  di specializzazione  e  di formazione alla  ricerca  in campo artistico e musicale.

Il Conservatorio ha  attivato i    corsi di formazione musicale di  base, disciplinati  in  modo  da consentirne la  frequenza  agli  alunni  iscritti alla scuola  media ed alla  scuola  secondaria superiore.

La Legge 268/02 ha riconosciuto l’equiparazione alla laurea universitaria dei titoli accademici conseguiti nel sistema artistico e musicale taliano, ai  fini di un pubblico concorso e del riconoscimento dei crediti  formativi.li D.P.R.  dell’S/07/2005 n.  212,  ha indicato i principi e criteri generali della nuova  offerta  formativa  e della autonomia  didattica,  con  l’articolazione  degli  studi  in3 cicli.

torna all'inizio del contenuto